Fabrizio de Andrè

Immagine

 

Le acciughe fanno il pallone 
che sotto c’è l’alalunga 
se non butti la rete 
non te ne lascia una 

alla riva sbarcherò 
alla riva verrà la gente 
questi pesci sorpresi 
li venderò per niente 

se sbarcherò alla foce 
e alla foce non c’è nessuno 
la faccia mi laverò 
nell’acqua del torrente 

ogni tre ami 
c’è una stella marina 
amo per amo 
c’è una stella che trema 

ogni tre lacrime 
batte la campana 
passano le villeggianti 
con gli occhi di vetro scuro 

passano sotto le reti 
che asciugano sul muro 
e in mare c’è una fortuna 
che viene dall’oriente 

che tutti l’hanno vista 
e nessuno la prende 
ogni tre ami 
c’è una stella marina 

ogni tre stelle 
c’è un aereo che vola 
ogni tre notti 
un sogno che mi consola 

bottiglia legata stretta 
come un’esca da trascinare 
sorso di vena dolce 
che liberi dal male 

se prendo il pesce d’oro 
ve la farò vedere 
se prendo il pesce d’oro 
mi sposerò all’altare 

ogni tre ami 
c’è una stella marina 
ogni tre stelle 
c’è un aereo che vola 

ogni balcone 
una bocca che m’innamora 
ogni tre ami 
c’è una stella marina 

ogni tre stelle 
c’è un aereo che vola 
ogni balcone 
una bocca che m’innamora 

le acciughe fanno il pallone 
che sotto c’è l’alalunga 
se non butti la rete 
non te ne lascia una 
non te ne lascia una 
non te ne lascia 

Mare nostrum

Immagine

 

e vinto il naturale spavento

ecco anche me dalla parte del mare

fare con lui tutt’uno

senza zavorra o schermo di parole,

fendere il poco di oro che rimane

sulle piccole isole

postume al giorno tra le scogliere in ombra già:

ancora un poco, ed è daccapo il nero.

 

 

 Vittorio Sereni, da ‘Un posto di vacanza’

Acqua di mare amaro

Acqua di mare amaro
Che esali nella notte:
Verso le eterne rotte
Il mio destino prepara
Mare che batti come un cuore stanco
Violentato dalla voglia atroce
Di un Essere insaziato che si strugge…


Dino CAMPANATramontosulbosforo

Creuza de mä

Creuza de mä

Umbre de muri muri de mainé
dunde ne vegnì duve l’è ch’ané
da ‘n scitu duve a l’ûn-a a se mustra nûa
e a neutte a n’à puntou u cutellu ä gua
e a muntä l’àse gh’é restou Diu
u Diàu l’é in çë e u s’è gh’è faetu u nìu
ne sciurtìmmu da u mä pe sciugà e osse da u Dria
e a funtan-a di cumbi ‘nta cä de pria
E ‘nt’a cä de pria chi ghe saià
int’à cä du Dria che u nu l’è mainà
gente de Lûgan facce da mandillä
qui che du luassu preferiscian l’ä
figge de famiggia udù de bun
che ti peu ammiàle senza u gundun

E a ‘ste panse veue cose ghe daià
cose da beive, cose da mangiä
frittûa de pigneu giancu de Purtufin
çervelle de bae ‘nt’u meximu vin
lasagne da fiddià ai quattru tucchi
paciûgu in aegruduse de lévre de cuppi

E ‘nt’a barca du vin ghe naveghiemu ‘nsc’i scheuggi
emigranti du rìe cu’i cioi ‘nt’i euggi
finché u matin crescià da puéilu rechéugge
frè di ganeuffeni e dè figge
bacan d’a corda marsa d’aegua e de sä
che a ne liga e a ne porta ‘nte ‘na creuza de mä

Fabrizio de Andrè

mimosadicembre