Poco conosciuta nel nostro paese la poetessa Akiki Yosano, è davvero importante se si vuole approfondire la poesia nipponica. Proto femminista, pacifista, riformatrice sociale. Fu una delle voci più famose e controverse della poesia giapponese della prima metà del Novecento. Akiko fondò poi una scuola per l’educazione femminile e divenne paladina dei diritti delle donne

Dopo il mio bagno
alla sorgente calda
questi vestiti
sono ruvidi alla pelle
così come il mondo

Nel primo pomeriggio estivo di questo piovoso 2018, trovo libri meravigliosi che non potrò mai nemmeno sfiorare: edit. Ichiroku Nakamura Tokio 1917 – illustr. : Hashiguchi Goyò – pp. (8) + 275 + (3) – 2 volumi in 16° – legatura in carta setata a colori con stampa in oro impressa a secco al piatto ant. + custodia in cartonato ill. e colorata a mano

ありがとうございました

Advertisements

Penziere mieje

Penziere mieje, levàteve sti panne,
stracciàtev’ ‘a cammisa, e ascite annuro.
Si nun tenite n’abito sicuro,
tanta vestite che n’avit’ ‘a fa?

Menàteve spugliate mmiez’ ‘a via,
e si facite folla, cammenate.
Si sentite strillà, nun ve fermate:
nu penziero spugliato ‘a folla fa.

Currite ncopp’ ‘a cimma ‘e na muntagna,
e quanno ‘e piede se sò cunzumate:
un’ànema e curaggio, e ve menate…
nzerrano ll’uocchie, primm’ ‘e ve menà!

Ca ve trovano annuro? Nun fa niente.
Ce sta sempe nu tizio canusciuto,
ca nun ‘o ddice… ca rimmane muto…
e ca ve veste, primm’ ‘e v’atterrà.

——-

Pensieri miei, levatevi queste panni
Stracciatevi la camicia e uscite nudi.
Se non avete un abito sicuro,
che farsene di tanti vestiti?

Andatevene spogliati per le strade,
e se fate folla, camminate.
Se sentite strillare, non fermatevi:
un pensiero spogliato fa la folla.

Correte sulla cima di una montagna,
e quando i piedi si sono consumati:
un’anima e coraggio, e vi gettate…
serrando gli occhi, prima di gettarvi!

Che vi trovano nudi? Non fa niente.
Ci sta sempre un tizio conosciuto,
che non lo dice… che resta muto…
e che vi veste, prima di sotterrarvi

Eduardo de Filippo

Napoli