Sebastiano Vassalli

Lachimera

È qui infatti, nelle liti di cortile, che l’odio umano si raffina e si esalta fino a raggiungere vette insuperabili, diventa un assoluto. È l’odio puro: astratto, disincantato, disinteressato; quello che muove l’universo, e che sopravvive a tutto. (cap. 7, p. 73)